Crea sito

Film Sant’Antonio (2006)

Il  secondo film sul nostro amato Santo che vogliamo proporvi è : “Antonio Guerriero di Dio” del 2006.

Trama: Nel 1263, nella Basilica di Padova il corpo del Santo è esposto alla venerazione dei fedeli e un frate comincia a narrarne la storia. Nel 1221 una nave proveniente dall’Africa fa naufragio sulle coste della Sicilia. Fibonacci, matematico che ha portato i numeri arabi in Italia, ha salvato dall’annegamento Antonio. Intanto Tebaldo, un usuraio padovano, affida  a Baldrico il compito di trovare un enorme tesoro in una nave naufragata in Sicilia. Giunto in Sicilia, dopo un mese di viaggio, insieme a Folco (uomo che porta sul corpo il marchio del ladro) viene a sapere che al naufragio è sopravvissuto un frate, Antonio, e ritiene che si tratti del proprietario del tesoro. Intanto Antonio parte per Assisi perché Francesco, al cui ordine lui appartiene, ha convocato tutti i frati minori. Folco inizia a seguire le sue tracce ed arriva ad Assisi ma non trovandolo si lascia convincere a raggiungere Rimini per imbarcarsi su una nave di pirati. Nei pressi della spiaggia,  dove un frate sta predicando, ruba un borsello ad un gentiluomo, ma il frate se ne accorge e lo costringe ad abbandonare il bottino. Folco, che non ha capito che il frate è Antonio, comincia a seguire il frate per rientrare in possesso del denaro. Durante vari spostamenti comincia a subire il fascino della spiritualità di Antonio, tanto che pensa di redimersi. Intanto Francesco muore e Antonio, sempre più acclamato per le sue capacità oratorie, incontra il Papa Gregorio IX. Quando nel 1231 Antonio torna a Padova, che è al colmo dello sviluppo demografico e commerciale, Folco viene a sapere che Baldricco è vivo e incontrandolo capisce che si è arricchito con l’aiuto di Fibonacci. Si scontra con lui e, accidentalmente, muore Rolando per mano di Baldricco, ma della sua morte viene accusato Folco. Intanto Antonio, sempre più malato, dopo aver predicato contro l’usura, si batte con successo per la liberazione di Folco, farà cambiare le leggi e verrà portato in trionfo, come “defensor civitatis“. Muore il 13 giugno a Padova.