Crea sito

Ordinazione Diaconale Fra Vincenzo Baldo

Un evento di eccezionale importanza per la Basilica di Sant’Antonio in Afragola.

Fra Vincenzo Baldo, figlio di Afragola e della schiera dei devoti del Santo, è stato  Ordinato Diacono per l’imposizione delle mani e preghiera consacratoria di Sua Ecc.za Mons. Ciro Miniero – Vescovo di Vallo della Lucania, hanno partecipato alla Solenne Liturgia il M.R.P. Agostino Esposito Ministro Provinciale dei Frati Minori di Napoli e Caserta e circa trenta Sacerdoti in rappresentanza dei diversi Conventi. In Basilica, oltre ai tanti cittadini di Afragola, rappresentati dal Vice-Sindaco Antonio Pannone, c’erano un centinaio di fedeli provenienti dal quartiere di Barra-Napoli e da Portici. La solenne Liturgia di Ordinazione si è svolta Giovedi 1° novembre alle ore 18:30.

Chi è Fra Vincenzo Baldo?

Fra Vincenzo Baldo e Mons. Ciro Miniero al termine della Liturgia di Ordinazione Diaconale

Fra Vincenzo, che da qualche settimana ha compiuto 28 anni, fin da ragazzino, frequentando il Santuario di Sant’Antonio ad Afragola, ha sentito scoppiarsi dentro l’amore per il Signore, si ritrova a vivere questo importante momento della sua vita insieme alla fraternità francescana che ha visto sbocciare la sua vocazione, circondato dall’affetto di parenti e amici e sotto lo sguardo amorevole del Santo. Lo scorso anno, nella stessa ricorrenza dei Santi (1 novembre) presso la Reale Basilica di Santa Chiara in Napoli, fra Vincenzo giurò, nelle mani del Ministro Provinciale, di voler seguire il Signore sulla strada del poverello di Assisi. Anche in quella occasione fu circondato dalla presenza dei tanti afragolesi, che, in 250 (con 5 pullman organizzativi), parteciparono al suo “Si” a Madonna Povertà. Terminato il percorso formativo presso lo Studio Teologico Interfamiliare di Nola è stato trasferito alla Parrocchia di San Pietro d’Alcantara in Portici dove si occupa delle attività parrocchiali.

Chi è il Vescovo Consacrante?

Sua Ecc.za Mons. Ciro Miniero è nato a Napoli il 31 gennaio 1958, e con i suoi 54 anni  è il Vescovo più giovane della Campania. Ha percorso l’itinerario formativo nel Seminario Maggiore Arcivescovile di Napoli, fino all’Ordinazione Sacerdotale ricevuta il 19 giugno 1982 dalle mani del Cardinale Arcivescovo Corrado Ursi. Dopo l’Ordinazione, è stato vicario della Parrocchia “Ave Gratia Plena” in Barra, della quale ne diviene parroco il 16 gennaio 1989 su nomina del Cardinale Michele Giordano. Nel 1994 è nominato Decano del XVIII Decanato, incarico che mantiene fino al 1997 quando è nominato Vicario Episcopale della VII Zona Pastorale. Nel 1995 consegue la licenza in Teologia Pastorale, discutendo la tesi dal titolo: “Immagine di Chiesa e rinnovamento pastorale nella parrocchia Ave Gratia Plena”, presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale – Sezione San Tommaso. Il 4 dicembre 2007 è nominato Decano del IX Decanato dal Cardinale Crescenzio Sepe. Il 7 maggio 2011 il Santo Padre Benedetto XVI lo ha eletto Vescovo di Vallo della Lucania. Il 19 giugno 2011 presso la Chiesa Cattedrale di Napoli ha ricevuto la consacrazione episcopale dalle mani del Cardinale Crescenzio Sepe. La Diocesi di Vallo della Lucania, sede Vescovile suffraganea dell’Arcidiocesi Metropolita di Salerno, si estende per oltre 1.500 Kmq, è terza in Campania in riferimento al numero di Parrocchie (ne ha 140), curate da 83 sacerdoti secolari e 15 sacerdoti regolari, per un totale di oltre 160.000 fedeli.

 Come si è svolta la Liturgia di Ordinazione?

Momento Celebrazione Ordinazione Diaconale

La Liturgia di Ordinazione ha avuto inizio dopo la proclamazione del Vangelo. Il Ministro Provinciale rivolgendosi al Vescovo Miniero ha detto: Reverendissimo Padre, la Santa Madre Chiesa chiede che questo nostro fratello sia ordinato diacono.

Mons. Ciro Miniero: Sei certo che ne sia degno?.

Ministro Provinciale: dalle informazioni raccolte presso il popolo cristiano e secondo il giudizio di coloro che ne hanno curato la formazione posso attestare che ne è degno.

Mons. Ciro Miniero: con l’aiuto di Dio e di Gesù Cristo nostro Salvatore, noi scegliamo questo nostro fratello per l’ordine del diaconato.

Terminata l’Omelia Mons. Ciro Miniero riprendendo la Liturgia di Ordinazione ha detto: Figlio carissimo, prima di ricevere l’ordine del diaconato, devi manifestare davanti al popolo di Dio la volontà di assumerne gli impegni. Vincenzo vuoi essere consacrato al ministero nella Chiesa per mezzo dell’imposizione delle mie mani con il dono dello Spirito Santo?

Fra Vincenzo: Sì, lo voglio.

Mons. Ciro Miniero: Vuoi esercitare il ministero del diaconato con umiltà e carità in aiuto dell’ordine sacerdotale, a servizio del popolo cristiano?

Fra Vincenzo: Sì, lo voglio.

Mons. Ciro Miniero: Vuoi, come dice l’Apostolo, custodire in una coscienza pura il mistero della fede, per annunziarla con le parole e le opere, secondo il Vangelo e la tradizione della Chiesa?

Fra Vincenzo: Sì, lo voglio.

Mons. Ciro Miniero: Tu che sei pronto a vivere nel celibato: vuoi, in segno della tua totale dedizione a Cristo Signore, custodire per sempre questo impegno per il regno dei cieli a servizio di Dio e degli uomini?

Fra Vincenzo: Sì, lo voglio.

Mons. Ciro Miniero: Vuoi custodire e alimentare nel tuo stato di vita lo spirito di orazione e adempiere fedelmente l’impegno della Liturgia delle Ore, secondo la tua condizione, insieme con il popolo di Dio per la Chiesa e il mondo intero?

Fra Vincenzo: Sì, lo voglio.

Mons. Ciro Miniero: Tu, che sull’altare sarai messo a contatto con il corpo e sangue di Cristo, vuoi conformare a lui tutta la tua vita?

Fra Vincenzo: Sì, con l’aiuto di Dio, lo voglio.

Quindi  si  avvicinerà  al  Vescovo e inginocchiatosi  porrà le sue mani congiunte in quelle del  Vescovo.

Mons. Ciro Miniero: Prometti al Vescovo diocesano e al tuo legittimo superiore filiale rispetto e obbedienza?

Fra Vincenzo: Sì, lo prometto.

Mons. Ciro Miniero: Dio, che ha iniziato in te la sua opera, la porti a compimento.

Quindi il  vescovo  invita tutto il  popolo  alla  preghiera,  dicendo: Preghiamo, fratelli carissimi, Dio Padre onnipotente, perché conceda la sua benedizione a questo suo figlio che ha voluto chiamare all’ordine del diaconato. A  questo  punto  Fra Vincenzo si  è prostato con la faccia a terra e tutto il popolo, guidato da Padre Adriano Pannozzo, ha cantato le Litanie dei Santi. Terminate le Litanie Fra Vincenzo si è inginocchiato davanti al Vescovo, e questi gli ha imposto le mani per ordinarlo. Poi un Diacono e il Ministro Provinciale gli si sono avvicinati per dargli la stola diaconale e rivestirlo con la dalmatica. Indossata la veste diaconale Fra Vincenzo si è avvicinato al Vescovo per ricevere in consegna il libro dei Vangeli.

Mons. Ciro Miniero: Ricevi il Vangelo di Cristo del quale sei divenuto l’annunziatore: credi sempre a ciò che proclami, insegna ciò che hai appreso nella fede, vivi ciò che insegni.

Per capire qualcosa in più vi invitiamo a visionare il video pubblicato in alto.

 

G.R.