Crea sito

Categorized | Vescovi Cattolici

Mons. Angelo Spinillo – Vescovo di Aversa

Angelo SpinilloSua Ecc.za Mons. Angelo Spinillo è nato a Sant’Arsenio (SA) il 1° maggio del 1951. Dopo aver frequentato le scuole medie ed il liceo presso gli Istituti Salesiani di Frascati e di San Gregorio di Catania ha continuato il suo cammino vocazionale presso il Seminario di Capodimonte in Napoli, dove ha frequentato la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, conseguendo il Baccalaureato in Teologia e, successivamente, dopo il corso di specializzazione, la Licenza in Teologia Pastorale Profetica. Ordinato sacerdote, il 15 luglio del 1978, dal Vescovo Mons. Umberto Altomare, il 28 ottobre è nominato vicario coadiutore della parrocchia di Sant’Anna in Sala Consilina. L’11 novembre del 1982 è chiamato alla parrocchia della SS. Annunziata, nella stessa città, con l’incarico di Vicario economo. Dopo meno di un anno, il 1° settembre del 1983, è nominato Parroco delle parrocchie di Santo Stefano in Sala Consilina e di San Giacomo Apostolo in Monte San Giacomo (SA). Trascorrono, in tal modo, nove anni e, il 14 settembre del 1991, è trasferito come Parroco nelle due parrocchie di Santa Maria Maggiore e San Michele Arcangelo in Atena Lucana (SA).

Insegnante di religione presso le scuole superiori di Sala Consilina (SA) e di Teologia Dogmatica presso l’istituto diocesano di Scienze Religiose ha ricoperto anche l’incarico di Assistente nell’azione cattolica diocesana. Il 18 marzo del 2000 San Giovanni Paolo II lo nomina Vescovo di Teggiano-Policastro, il 13 maggio riceve l’Ordinazione episcopale per l’imposizione delle mani dell’Arcivescovo metropolita di Napoli il Cardinale Michele Giordano. Dopo 10 anni di ministero nella diocesi salernitana è trasferito, il 15 gennaio del 2011, alla Diocesi di Aversa, e la 64ª Assemblea Generale dei Vescovi, il 22 maggio 2012, lo elegge vicepresidente della Cei per l’Italia meridionale. Il motto evangelico che ha scelto per la sua missione episcopale è “Gratis accepistis, Gratis Date” (Mt 10,8), che in italiano è “gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date”.

La Diocesi di Aversa è suffraganea dell’Arcidiocesi di Napoli e oltre alla città di Aversa, nella quale è stabilita la sede cattedrale di San Paolo apostolo, comprende diciotto comuni della provincia di Caserta (Carinaro, Casal di Principe, Casaluce, Casapesenna, Cesa, Gricignano di Aversa, Frignano, Lusciano, Orta di Atella, Parete, San Cipriano d’Aversa, San Marcellino, Sant’Arpino, Succivo, Teverola, Trentola-Ducenta, Villa di Briano, Villa Literno,) e dieci comuni della provincia di Napoli (Caivano, Cardito, Casandrino, Crispano, Frattamaggiore, Frattaminore, Giugliano in Campania, Grumo Nevano, Qualiano, Sant’Antimo), per un totale di 545.060 fedeli divisi nelle 94 parrocchie sparse sui 361 kmq di estensione. La Diocesi ha 186 sacerdoti secolari, 27 sacerdoti regolari e 38 diaconi permanenti.

La diocesi fu eretta, nel 1053, da Papa Leone IX su richiesta dei governanti normanni e ricavando il territorio dalle antiche sedi di Atella e Liternum. Nel 1121 la diocesi ottenne, da Papa Callisto II, la sua immediata soggezione alla Santa Sede, privilegio perso nel 1979 quando la diocesi entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell’Arcidiocesi di Napoli. Tra i suoi Vescovi la diocesi annovera anche Sisto Riaro Sforza che poi fu nominato Arcivescovo di Napoli e Cardinale. Nel corso dei secoli hanno visitato la diocesi altri quattro pontefici, l’ultimo fu San Giovanni Paolo II nel 1990.

                                                                       G.R.