Crea sito

Categorized | Giubileo 2016

Papa Francesco apre una Porta che…non può essere Santa

Questa mattina, nella Solennità di tutti i Santi, Papa Francesco ha annunciato che intende aprire la Porta Santa della Cattedrale di Bangui in occasione del suo viaggio apostolico nella nazione Centraficana. La città è la capitale della repubblica ed è la più grande per dimensioni e numero di abitanti, nel 2012 la popolazione era stimata in 740 mila persone. 

notredamePapa Francesco ci sta abituando allo stupore, la stessa volontà di indire un Giubileo straordinario dedicato alla Misericordia ne è una dimostrazione, il prossimo Giubileo ordinario era atteso per il 2025 e quello straordinario per il 2033 (se il Papa di quell’anno riterrà di ripetere l’esperienza vissuta nel 1933 e nel 1983 con il Giubileo straordinario dell Redenzione). Tuttavia ci sono alcune regole Liturgiche che non andrebbero stravolte, perchè modificare la tradizione può implicare il cadere in quel relativismo che gli ultimi Pontefici hanno stigmatizzato come uno dei mali dell’epoca moderna. Contro la volontà del Papa di aprire questa Porta Santa presso la Cattedrale di Nostra Signora dell’immacolata Concezione a Bangui ci sono due interessanti quanto immodificabili ragioni:

- La prima ragione fa riferimento all’essenza stessa del Giubileo. Il primo della storia fu aperto a Roma da Papa Bonifacio VIII nel 1300 e le Indulgenze, ad esso connesse, potevano essere ottenute recandosi in pellegrinaggio sulle tombe degli Apostoli della fede Pietro e Paolo, solo in quelle due Basiliche era possibile lucrare l’indulgenza. Nel 1575, quindi molti secoli dopo, Papa Gregorio XIII decise che, terminato il Giubileo Romano, per altri sei mesi le Indulgenze fossero estese alla Chiesa Universale e, in particolare, per quei fedeli che non si erano recati a Roma. Bisogna arrivare al 1925, con Papa Pio XI, per vedere ampliato ad un intero anno il beneficio dell’Indulgenza giubilare. Quindi appare chiaro e inconfutabile che il Giubileo deve essere aperto a Roma e in almeno una delle due Basiliche che conservano i resti degli apostoli. 

- La seconda ragione, non meno importante della prima, attiene alla Bolla di Indizione pubblicata lo scorso 11 aprile. Con la massima solennità (per quel che concerne i modi di Papa Francesco) durante la celebrazione dei primi vespri della Domenica della Divina Misericordia, con la bolla Misericordiae Vultus  e stato indetto il Giubileo dal 8 dicembre del 2015 al 20 novembre del 2016 (Solennità di Cristo Re dell’Universo). Pertanto, per poter aprire il Giubileo con nove giorni di anticipo, il Papa, nei prossimi giorni, dovrebbe pubblicare una nuova Bolla di indizione per modificare l’arco temporale precedentemente stabilito.

Appare quindi chiaro che l’apertura della Porta a Bangui avrà solo un valore simbolico ma non può, in alcun modo, essere intesa come l’inizio ufficiale del Giubileo. Per essere “Santa” quella Porta dovrà aspettare il 13 dicembre (giorno di apertura del Giubileo per tutte le Diocesi e eparchie del mondo).