Crea sito

Categorized | Chiese della Campania

Afragola. La gioia di Santa Maria d’Ajello per il nuovo Parroco

Campane a festa per il nuovo parroco don Rino Capasso.  Gli auguri del cardinale Sepe: “Aiutate il vostro parroco. Da solo non può farcela

il Parroco Don Rino Capasso

il Parroco Don Rino Capasso

Mamma le tue lacrime mi hanno fatto diventare più sacerdote di Cristo. Metto nel tuo cuore e in quello di Maria tutte le mie intenzioni.” Sono le parole che, emozionato, don Gennaro Capasso, nuovo parroco di S. Maria d’Ajello di Afragola ha pronunciato in occasione del possesso canonico avvenuto nella serata di lunedì 13 maggio.

All’evento ha preso parte il Cardinale Crescenzio Sepe che ha dato lettura, nel corso di una solenne celebrazione eucaristica, della bolla di nomina per il possesso canonico. Presenti all’avvenimento il parroco emerito di S. Maria, don Giorgio Montefusco, il Decano dell’XI decanato don Massimo Vellutino, Padre Luigi Arena rettore del santuario cittadino dei Sacri Cuori ed tanti altri sacerdoti afragolesi, nonché  alcune religiose  della Casa di Afragola delle  Piccole Ancelle di Cristo  e alcune suore Ancelle del Sacro Cuore che non hanno fatto mancare il loro affetto al novello pastore. Ad omaggiare il nuovo parroco anche le autorità civili, a partire dal sindaco facente funzioni Antonio Pannone, all’onorevole Domenico Tuccillo e all’onorevole Pina Castiello.

Ha fatto da cornice una comunità gioiosa e festante per l’avvenimento; da segnalare le musiche del coro che hanno accompagnato la funzione religiosa,  splendidamente e magistralmente cantate dal maestro tenore Vincenzo Tremante; ottimo il lavoro di coordinamento delle forze dell’Ordine, in particolare i Vigili Urbani  con il tenente Francesco Calandrelli e gli agenti Giuseppe Frizzi e Maria Russo.

il Cardinale Sepe con il Parroco Don Rino Capasso e il Parroco Emerito Don Giorgio Montefusco

il Cardinale Sepe con il Parroco Don Rino Capasso e il Parroco Emerito Don Giorgio Montefusco

Don Rino Capasso si avvicenda a don Giorgio Montefusco, amato sacerdote che per 45 anni ha guidato, in maniera sicura, una delle parrocchie più antiche della città, che vanta  un medioevale complesso monumentale risalente al 1140.

Aiutate il vostro parroco, da solo non può farcela in questo cammino di fede”, così il Cardinale Sepe ha concluso la serata rivolgendosi ai fedeli presenti,  dopo aver dato il benvenuto a don Gennaro e abbracciato fraternamente don Giorgio per il servizio reso alla chiesa.

Post missam (in basso) la poesia del poeta Gennaro Piccirillo, parrocchiano di Santa Maria, che ha regalato ai presenti tante emozioni, e per finire un saluto accorato, a nome di tutta la comunità di fedeli, da parte di Gaetano Pelliccia, che ha così concluso il suo interevento: “Caro parroco, la frenesia della vita contemporanea ci fa sperimentare la lunghezza e la larghezza delle cose: Tu facci sperimentarne la profondità. Abbiamo sete di felicità, abbiamo sete di Dio! Pregheremo per te fin da subito perché non ti assalga mai lo  scoraggiamento. Non aver paura dei fallimenti: se cadrai ci rialzeremo insieme, se gioirai esulteremo insieme. Ricorda che non sei e non sarai mai solo. Auguri Ad Maiora”.

                                                                                   Antonio Boccellino

A don Gennaro Capasso parroco nuviello

E don Gennaro, parroco nuviello,

d’’a parrocchia ‘e Santa Maria d’Ajello, 

ch’è ancora frisco ‘e poc’anni ‘e Messa, 

nun se pô di’ ch’è sulo ‘na prumessa 

p’’o futuro, pecchè ‘a verità 

è ch’è già ‘n’avvincente realtà. 

Sacerdote  moderno ‘e avanguardia, 

cu’ ‘na fede speciale, straordinaria

 e nu squisito, convincente eloquio… 

Terreno fertile cca ha truvato, 

isso stesso s’è ditto furtunato: 

n’ha dato merito o’ predecessore, 

ca dotato d’’o cchiù santo fervore, 

cu’ tutt’ ‘a ggente è stato in armonia, 

mettenno sempe o’ primmo posto Dio! 

Don Gennaro è saggio seminatore

 d’’a vigna benedetta d’ ‘o Signore. 

Nu vivissimo grazie a Sua Eminenza, 

ca ispirata a’ divina Provvidenza 

ha vuluto ‘stu sciore manna’ cca, 

p’ ‘a meglia tradizione continua’. 

Se vede ca tène ‘na marcia ‘e cchiù: 

è chella ca se chiamma giuventù! 

Viato a tte, auguri, don Genna’, 

chest’è ‘a via ca porta a’ santità! 

Afragola 13 maggio 2013

                                                                                      Gennaro Piccirillo