Crea sito

Pignataro Maggiore. 90 km a piedi per la Madonna di Pompei

fedeli del pellegrinaggio del 2013

fedeli del pellegrinaggio del 2013

Una testimonianza di fede che travalica le miserie umane e personali è quella dimostrata, da 70 anni, dai fedeli di Pignataro Maggiore (Ce). Negli anni della seconda guerra mondiale un gruppo di soldati di quel paese fece voto alla Madonna di Pompei di raggiungere a piedi il Santuario a lei dedicato se sarebbero tornati tutti sani e salvi alle loro case. Da quel patto d’amore suggellato con la Vergine del Rosario di Pompei è nato un singolare pellegrinaggio annuale, di 90 km a piedi, che i cittadini di Pignataro ancora oggi rispettano. Riuniti intorno alla mezzanotte del 5 maggio, cantando e pregando iniziano il loro cammino attraversando parte delle province di Caserta e Napoli, dopo la prima decina di km sostano per la prima tappa presso la Chiesa di San Giuseppe Artigiano a Capua, poi, ripreso il cammino, sostano nuovamente nel comune di San Tammaro, e poi a Teverola e ad Aversa, dove partecipano a una celebrazione Eucaristica. Attraversata Napoli, sostano presso il Palazzetto di Barra per poi riprendere il cammino nella notte del 6 maggio percorrendo il consueto percorso che ogni anno l’azione cattolica propone nell’ultimo sabato del mese di maggio (Portici, Ercolano, Torre del Greco e Torre Annunziata). Giunti ormai esausti nella Piazza del Santuario con grandissima devozione, tutti in ginocchio, percorrono la navata della Basilica e baciano gli scalini dinanzi l’altare della Vergine. Il voto potrebbe a questo punto ritenersi adempiuto, e invece i fedeli di Pignataro restano in Santuario per la veglia della notte e per la celebrazione eucaristica e la supplica dell’8 maggio, solo dopo questo momento faranno ritorno alle loro case. Arrivati in paese, in processione attraversano le strade cittadine, tra la gioia e la commozione generale di tutto il popolo, per giungere nella Chiesa Madre dove ha luogo l’ultimo momento di preghiera.

N.B.: Il pellegrinaggio di Pignataro Maggiore è una particolarità non solo per il cammino notturno e la distanza in km, ma perchè ogni anno cresce il numero dei partecipanti, quest’anno sono stati 700 (considerate che il paese ha poco più che 6 mila abitanti).

                                                                                                                G.R.