Crea sito

San Ludovico da Casoria. Un nuovo protettore per Afragola

San Ludovico da Casoria

San Ludovico da Casoria

Ad onore della Santissima Trinità, per l’esaltazione della fede cattolica e l’incremento della vita cristiana, con l’autorità di Nostro Signore Gesù Cristo, dei Santi Apostoli Pietro e Paolo e Nostra, dopo aver lungamente riflettuto, invocato più volte l’aiuto divino e ascoltato il parere di molti Nostri Fratelli nell’Episcopato, dichiariamo e definiamo Santi i Beati … Ludovico da Casoria … e li iscriviamo nell’Albo dei Santi, stabilendo che in tutta la Chiesa essi siano devotamente onorati tra i Santi.

Con la proclamazione ufficiale, in latino, della formula di Canonizzazione il Santo Padre Francesco, domenica 23 novembre c.a., ha elevato agli onori della Chiesa Universale il piccolo fraticello di Casoria. Nato nel marzo del 1814, il venerato fondatore dei Frati Bigi e delle Suore Elisabettine Bigie, ha avuto uno stretto legame con la terra di Afragola e il Convento francescano di Sant’Antonio, e può pertanto ritenersi che anche la nostra città possa oggi festeggiare il suo Santo. Quando contava circa quindici anni, ad Arcangelo (questo il suo nome), a seguito della morte della madre, fu permesso di riprendere gli studi, si recò quindi, a piedi, nella vicina Afragola dove i frati minori riformati avevano aperto una scuola pubblica per i popolani. Fu proprio il contatto con i frati del convento di Sant’Antonio di Afragola a fargli desiderare la vocazione francescana, come ricorda il suo biografo il Cardinale Alfonso Capecelatro. Dopo aver indossato l’abito di San Francesco, il 17 giugno del 1832, e modificato il suo nome in Ludovico, fece ritorno ad Afragola per studiare alla scuola di Teologia annessa alla Biblioteca Conventuale e vi restò per circa due anni, aiutando nelle varie incombenze e per le diverse necessità che si presentavano nel luogo di culto che già era metà di continui pellegrinaggi. Furono questi anni a intensificare il suo rapporto devozionale nei confronti di Sant’Antonio, cui diverse volte si rivolse nelle difficoltà invocandone la protezione. Dopo aver trascorso buona parte della sua vita al servizio dei poveri e degli ultimi, si ritrovò, nel 1866, a essere nuovo custode del tempio di Afragola, infatti, a seguito delle leggi sulla soppressione delle comunità religiose, i frati minori riformati dovettero abbandonare il Convento e il Padre Ludovico vi giunse insieme ai suoi Frati Bigi. Per ben sei anni, gestendo Chiesa e Convento, e con l’aiuto dei Terziari Francescani, che lui stesso aveva riorganizzato per farsi aiutare nelle diverse opere di carità, realizzò, in città, un convitto per orfanelli con scuola di arti e mestieri, un piccolo ospedale, un ricovero per le persone della terza età e una scuola esterna, sappiamo anche che, in quegli anni, s’interessò della Festa di Sant’Antonio.

Ida Iadevaia (giovane miracolata) porta sull'altare una Reliquia del Santo

Ida Iadevaia (giovane miracolata) porta sull’altare una Reliquia del Santo

Proprio in ragione di questo stretto vincolo con la comunità di Afragola, in occasione della canonizzazione, era presente, in Piazza San Pietro, una folta rappresentanza della fraternità francescana, insieme ai francescani secolari che riconoscono nel nuovo Santo il loro fondatore, era presente il Guardiano Padre Marcello Pronestì che, insieme ad una suora bigia, ha accompagnato processionalmente sull’altare una Reliquia di San Ludovico portata dalla giovane miracolata Ida Iadevaia, il Vice-Parroco Padre Michele Giuliano e Fra Davide Capuano che ha prestato servizio all’altare durante la celebrazione con il Santo Padre.

                                                                        G. R.

One Response to “San Ludovico da Casoria. Un nuovo protettore per Afragola”

  1. career today says:

    Hello! This post could not be written any better! Reading
    this post reminds me of my previous room mate! He always kept talking
    about this. I will forward this write-up to him. Pretty sure he will have
    a good read. Thank you for sharing!

Trackbacks/Pingbacks