Crea sito

Afragola. Premio Anna Maria Errichiello 2012, vincono la scuola settembrini e l’ITC Caruso


Grande partecipazione di pubblico, nella serata di sabato 1 giugno, per l’assegnazione del premio “Anna Maria Errichiello”, un riconoscimento  per ricordare questa luminosa figura di terziaria francescana a 10 anni dalla sua scomparsa: una ragazza che, sulla via di una promettente carriera forense, attorno ai 30 anni, professa la Regola dell’OFS, e si consacra alla cura dei Novizi facendo dell’apostolato dell’aiuto ai ragazzi in difficoltà i cardini delle sua esistenza.

Scuola vincitrice Premio Annamaria Errichiello

Scuola vincitrice Premio Annamaria Errichiello

L’iniziativa, quest’anno alla prima edizione, è stata promossa da  alcuni suoi amici in collaborazione con la Biblioteca S. Antonio e l’Ordine Francescano Secolare: riservato alle scuole secondarie di primo e secondo grado della Provincia di Napoli, il concorso ha visto la partecipazione di 11 istituti. Sono stati gli alunni della scuola media statale “Luigi Settembrini”, diretta dalla prof.ssa Milena Marchese  e quelli dell’Istituto Tecnico “E. Caruso”, sezione distaccata Centro Penitenziario di Secondigliano, ad aggiudicarsi il premio, rispettivamente, nella “sezione cortometraggi” e “sezione Pittura e illustrazione.” Gli studenti della Settembrini, in particolare gli attori Francesco D’Afiero, Luca Boccellino, Giuseppe Mosca e Anna Piccolo, guidati dalla prof. Anella Cimmino ed in collaborazione con Alessio Capasso, Mirco Alvigi, Mario Ferraro e Lucia Esposito, hanno realizzato un video sulle problematiche del mondo della droga: The enemy of yuouth, il titolo del brano, che narra della storia di un giovane protagonista che per problemi familiari cade nella rete della droga e solo grazie all’azione salvifica dell’amicizia riesce a uscirne fuori (pubblicato in basso).

Opera di Pino Campisi

Opera di Pino Campisi

Interessante anche il lavoro “fine pena mai” di Giuseppe Campisi, un detenuto del carcere di Secondigliano: la sua opera è stata premiata, come ci dicono il Direttore culturale del Premio, Carmine Tufano e il Direttore della Biblioteca S. Antonio Carlo Caccavale, perché “l’osservatore rimane sorpreso dinanzi al senso di solitudine del soggetto che ‘buca la tela’ nel tentativo  di offrire al mondo quel carico di emozioni proprie del mondo interiore dell’autore”.

La cerimonia di premiazione è avvenuta al termine della conferenza “Giovani e Lavoro”, organizzata dalla Commissione JPV (Giustizia, Pace e Integrità del Creato), dell’Ordine Francescano Secolare di Afragola”. L’evento,  preparato in collaborazione con la Provincia Napoletana dei Frati Minori e di Gocce di Fraternità onlus, si è svolto presso la sala convegni della Basilica Pontificia di Sant’Antonio da Padova in Afragola, ed ha visto come relatore il prof. Fabio Corbisiero, sociologo e docente presso l’Università degli studi di Napoli Federico II e Maria Pia Siciliano, imprenditrice. Testimonial della kermesse alcuni religiosi dell’Ordine Francescano, a partire da fra Antonio Sannino, vicario ofm, fra Luigi Campoli parroco di Sant’Antonio e fra Salvatore Vilardi che si sono complimentati con gli studenti della Settembrini per il bel risultato raggiunto. Ha moderato il giornalista Tommaso Travaglino.

                                                                                            Antonio Boccellino