Crea sito

Categorized | Chiese della Campania

Anche Afragola festeggia il glorioso San Gennaro

Anche la Parrocchia di San Marco Evangelista di Afragola, con la collaborazione della Pro Loco e il patrocinio morale del Comune, ha ricordato San Gennaro, patrono della Campania, di Napoli e di Afragola. I festeggiamenti, voluti dal parroco don Giuseppe Delle Cave, hanno preso il via con una solenne celebrazione eucaristica, officiata domenica 15 settembre, da Mons. Vincenzo De Gregorio, Abate della Cappella del Tesoro.

A seguire, un triduo di preghiere in onore del “glorioso Martire” dal 16 al 18 settembre, culminato, nella giornata della ricorrenza liturgica, con una Santa Messa con lodi. Dopo la funzione religiosa, c’è stata una peregrinatio del nuovo simulacro del Santo e di una sua reliquia ex ossibus, presa dal Busto di Carlo II D’Angio, presieduta dallo stesso parroco e da don Carmine Basile: le vie del quartiere hanno respirato la stessa atmosfera spirituale della festa di San Marco, grazie anche alle festose melodie della banda “Divisione Musicale Afragolese”, ai fuochi pirotecnici e alla presenza degli amministratori cittadini, ad iniziare dal Sindaco Claudio Grillo.
San Gennaro Afragola 2Giulivo il Pastore di una delle più grandi comunità cittadine per la riscoperta di questa tradizione, che ha così commentato: “San Gennaro come patrono di Afragola era stato dimenticato dal Dopoguerra ad oggi. Abbiamo fonti archeologiche e bibliografiche che ne attestano il suo transito, insieme a quello di San Marco, di San Nicola da Bari ed altri Santi per l’Ecclesia della Selvetella (San Marco in Sylvis), la chiesa matrice di Afragola: in particolare, si narra che sulla Pietra Sacra, posta dietro le mura absidali, sostò prima l’Evangelista e poi San Gennaro alla vigilia del suo martirio avvenuto a Pozzuoli il 19 settembre 305. Per tale ragione, ho chiesto al Cardinale di poter ricordare degnamente il Santo anche ad Afragola”.
Il Parroco ha, poi, sottolineato le altre iniziative, come la “Consegna delle Chiavi” della città a San Gennaro, da parte del Primo cittadino; all’istituzione dell’”Albo d’Oro Gennariano” e al conferimento di attestati di onorificenza a tutti quelli che si chiamano Gennaro, ad iniziare da Gennaro Cancelmo, ordinario di cattedra di urologia. Croce Pettorale e Chiavi delle città sono state offerte dalla gioielleria “Prestigio”.
Le manifestazioni si sono concluse martedì 24 settembre con un pellegrinaggio nella Chiesa Cattedrale e una visita al Tesoro di San Gennaro, culminata con una Concelebrazione sull’altare maggiore e il rito del bacio delle ampolle del Sangue.
                                                                      Antonio Boccellino