Crea sito

Mons. Felice Accrocca – Arcivescovo metropolita di Benevento

Felice AccroccaSua Ecc.za Mons. Felice Accrocca è nato a Cori, in provincia di Latina, il 2 dicembre del 1959. Dopo la maturità scientifica ha frequentato i corsi teologici presso il Pontificio Collegio Leoniano di Anagni e, poi, ha conseguito la Laurea in Lettere all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e il Dottorato in Storia Ecclesiastica presso la Pontificia Università Gregoriana. Ordinato sacerdote il 12 luglio del 1986 si è incardinato presso la diocesi di Latina-Terracina-Sezze-Priverno dove ha svolto diversi incarichi pastorali: viceparroco della parrocchia Santa Maria Assunta a Cisterna dal 1986 al 1989; Parroco della parrocchia San Luca a Latina fino al 2004; Parroco della parrocchia San Pio X a Latina dal 2003 al 2012, anno nel quale gli viene affidata la parrocchia del Sacro Cuore a Latina; Assistente diocesano dell’Azione Cattolica dal 2003 al 2007; Direttore della Scuola Diocesana di Teologia “Paolo VI” dal 1994; Vicario Episcopale per la Pastorale diocesana dal 1999 e Docente di Storia della Chiesa medievale presso la Pontificia Università Gregoriana e docente all’Istituto Teologico di Assisi. Mons. Accrocca ha approfondito, negli anni, gli studi sul francescanesimo medievale pubblicando numerosi articoli e saggi, tra cui il volume “Chi me lo fa fare? La lotta nello sviluppo umano e spirituale di Francesco d’Assisi“, scritto con padre Enzo Fortunato. Il 18 febbraio del 2016 Sua Santità Papa Francesco lo ha nominato Arcivescovo metropolita di Benevento. Mons. Accrocca ha ricevuto l’ordinazione episcopale il 15 maggio di quell’anno nella parrocchia del Sacro Cuore in Latina e ha preso possesso canonico dell’Arcidiocesi il 12 giugno successivo. Il 29 giugno ha ricevuto il pallio durante la celebrazione dei Santi Pietro e Paolo nella Basilica Vaticana. L’Arcivescovo per il suo stemma ha scelto il motto “Nisi Dominus ædificaverit”, tratto dal salmo 126: “Se il Signore non costruisce la casa, invano vi faticano i costruttori”. Attualmente  è  membro della Commissione episcopale per l’evangelizzazione dei popoli e la cooperazione tra le Chiese e ricopre, per lo stesso settore, l’incarico come delegato regionale della Conferenza Episcopale Campana.

san-bartolomeo-apostoloL’Arcidiocesi Metropolita di Benevento fu eretta, secondo fonti non documentate, da San Fotino, primo vescovo inviato da San Pietro nell’anno 40 d.c. Una prima notizia sicura dell’esistenza della diocesi si fa invece risalire al 19 settembre 304 o 305, quando fu martirizzato a Pozzuoli il protovescovo Gennaro (Santo e attuale patrono di Napoli). Nel 969 il vescovo Landolfo fu il primo a ricevere il titolo di arcivescovo metropolita con la bolla Cum certum sit di papa Giovanni XIII; tra i privilegi anche quello di utilizzare il camauro (copricapo utilizzato dai Pontefici in velluto rosso ed ermellino) e farsi precedere nelle visite dal Santissimo Sacramento. L’Arcidiocesi arrivò ad avere fino a 32 diocesi suffraganee con una provincia ecclesiastica che si estendeva dal mar Tirreno all’Adriatico e che ricomprendeva tutti i paesi di Benevento, Caserta, Campobasso, Foggia e Avellino. Attualmente sono soggette alla metropolia di Benevento le diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia; Avellino e Cerreto Sannita-Telese-Sant’Agata de’ Goti; l’arcidiocesi di Sant’Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia e l’abbazia territoriale di Montevergine.

L’arcidiocesi, con le sue 116 parrocchie divise in nove zone pastorali, si prende cura di oltre 250mila fedeli che risiedono in 68 diverse città, per una superficie di circa 1.691 km². Tra i pastori più insigni della diocesi si ricordano: San Gennaro (martire e patrono di Napoli); Alessandro Farnese, divenuto Papa con il nome di Paolo III e Pietro Francesco Orsini, divenuto Papa con il nome di Benedetto XIII; altri tre papi (Gregorio VIII, Felice IV e Vittore III) nacquero a Benevento. In diocesi furono celebrati ben quattro concilii con i papi Niccolò II, Vittore III, Urbano II e Pasquale II.

Dagli ultimi dati, della Conferenza Episcopale Italiana, la diocesi risulta avere 217 sacerdoti (146 secolari e 71 regolari) e 53 diaconi permanenti. La sede arcivescovile è a Benevento dove sorge la Cattedrale di Santa Maria Assunta e, nella stessa città, si conserva il corpo dell’apostolo San Bartolomeo, celeste patrono della diocesi. Nel territorio diocesano c’è anche Pietrelcina, uno dei principali luoghi di culto e di pellegrinaggio della regione, che diede i natali a San Pio.