Crea sito

Portici. La Biblioteca delle P.A.C.R. rende disponibili online i primi 45 libri dei Padri della Chiesa

padregiacinto_20Il prestigioso Centro Bibliotecario dell’Istituto delle Piccole Ancelle di Cristo Re, situato a Portici e intitolato al suo fondatore Padre Giacinto Ruggiero ofm (1913-1984), è in rete. Dalla settimana scorsa basta un click all’indirizzo www.bibliotecacristore.it  per entrare in uno scrigno che custodisce un patrimonio di testi, autentici tesori di antiche edizioni, pregiate e introvabili cinquecentine di tarda antichità greca e latina, raccolti dal suo ideatore, in particolare di patristica: l’Istituto delle Piccole Ancelle ha messo online una prima selezione di 45 testi presenti nella biblioteca, visibili pagina per pagina nella sezione “biblioteca digitale” del suo sito.

L’ambizioso e articolato progetto, accarezzato da alcuni anni, è stato reso possibile grazie ad un finanziamento europeo (POR Campania 2007/2013) che l’istituto ha ricevuto negli anni scorsi. L’iniziativa è stata presentata alla cittadinanza nella serata di sabato 14 novembre: nel corso di una tavola rotonda, tenutasi presso la Casa di Portici della Congregazione religiosa, alcuni qualificati relatori, quali la dott.ssa D. Finoja, il Prof. A.V. Nazzaro e il dott. De Magistris dell’A.I.B., hanno spiegato, nei loro interventi, le motivazioni dell’idea. Con la proiezione di alcune slide, gli oratori hanno mostrato al folto e qualificato uditorio – in sala ordinari di cattedra, quali la prof.ssa Teresa Piscitelli, il prof. Marco Corcione, et alii-  la genesi del progetto, i criteri di scelta dei testi sinora inseriti nel sito ed alcuni tecnicismi: in particolare, la dott.ssa Fionoja si è soffermata sulle modalità di scannerizzazione e di selezione delle opere pubblicate. “I testi sono stati ‘fotografati’ con dei macchinari all’avanguardia ad altissima risoluzione. Ciò consente di fruire del libro come se avvenisse con la consultazione del cartaceo. La collezione digitale Lectura Patrum Neapolitana che abbiamo iniziato a mettere in rete  raccoglie pubblicazioni di opere di Padri della Chiesa e di autori cristiani, scelte tra i testi più significativi del fondo antico. Abbiamo preferito, in questa prima fase, iniziare a mettere in rete testi, anche se minori, ma che non si trovano nel web offrendo  una panoramica sulle diverse epoche della patristica: partendo dalla letteratura apologetica e antieretica del II secolo, con Giustino e Ireneo di Lione, passando per gli scrittori del III secolo della scuola alessandrina, come Clemente e Origene,  per arrivare all’età aurea con i padri niceni, Atanasio e Eusebio di Cesarea ecc. Per finire con due figure di rilievo della filosofia scolastica: Anselmo d’Aosta e Tommaso d’Aquino”.

centro bibliotecario porticiA seguire, è stata la volta poi del prof. Antonio Vincenzo Nazzaro, tra i fondatori, assieme a Padre Giacinto Ruggiero e alla Madre Emerita suor Antonietta Tuccillo, del sodalizio che fa della divulgazione della patristica la sua ragion d’essere. L’accademico ha tracciato un bilancio dei trentacinque anni degli incontri spiegando come  “si sono avute circa 250 sedute, una al mese da novembre a maggio dedicate prevalentemente alla presentazione di testi patristici in versione italiana, ma anche alla trattazione di tematiche di più viva attualità” e concludendo come l’interesse verso le tematiche trattate sia costantemente apprezzato da studiosi e appassionati di teologia.
E’ stata la volta, poi, del dott. De Magistris, esperto bibliotecario, che nel suo intervento ha espresso “soddisfazione per la realizzazione di questo progetto” mostrando come la rete sia uno strumento imprescindibile per la ricerca e lo studio. Per finire, sono state mostrate ai presenti anche le postazioni interattive, installate nella biblioteca, dalle quali è possibile consultare, a mezzo tablet, i testi.

Il simposio, che ha avviato il XXXVI ciclo di lezioni sul pensiero dei Padri della Chiesa, è stato coordinato dalla dott.ssa Giovanna De Pascale, presidente della sezione Campania dell’Associazione Italiana Biblioteche. Soddisfazione per la neo Superiora generale, suor Leonia Buono, già Segretaria generale della Congregazione religiosa delle Piccole Ancelle del Cristo Re, che ha espresso lodi e ringraziamenti per i relatori soffermandosi sullo spessore dell’incontro.

I convegni di approfondimento sulla Patristica entreranno nel vivo, a partire da sabato 12 dicembre, con le tradizionali sessioni di conferenze monotematiche,  che si svolgeranno  presso l’aula magna del Tempio del Volto Santo, in via Ponti Rossi: il primo appuntamento, alle ore 17.00,  prevede la lectio magistralis del prof. Antonio Ascione, docente di Filosofia Contemporanea della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale (PFTIM) di Napoli, che leggerà la ”Misericordiae Vultus. Bolla di indizione del Giubileo Straordinario della Misericordia di Papa Francesco”.

                                                                                                        Antonio Boccellino